22° CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA, ECCO COM’E’ ANDATA

campionato-della-pizza

Si è concluso ieri sera a Parma il 22° Campionato Mondiale della Pizza, la più importante manifestazione internazionale del settore, tenutasi al PalaCassa di Fiere di Parma in concomitanza con il Pizza World Show, il primo salone internazionale dedicato alla Pizza.
Massimo Puggina, presidente dell’Editrice Pizza e Pasta Italiana organizzatrice del Campionato Mondiale della Pizza ha dichiarato: “Siamo veramente molto soddisfatti, quest’edizione ha dimostrato la vitalità del settore della pizza e, soprattutto, ha confermato
che il Campionato Mondiale della Pizza è il punto di riferimento a livello mondiale, non solo come competizione tra pizzaioli, ma anche come punto di riferimento tra professionisti ed industriali del settore. Abbiamo avuto più di 500 partecipanti ed una presenza di quasi 20.000 addetti ai lavori. Ringraziamo anche le Fiere di Parma ed il Pizza World Show per averci ospitato nel cuore della Food Valley dove siamo certi di poter far crescere insieme questa bellissima manifestazione.”
Dopo una giornata all’insegna delle ultime competizioni si è tenuta nella grande sala del PalaCassa la cena di chiusura, in cui sono state servite agli 800 ospiti una selezione di pizze rigorosamente preparate a regola d’arte. La consegna degli “oscar della pizza” è iniziata alle 21:00 ed è proseguita fino alla mezzanotte. Ben 11 le categorie premiate con campioni provenienti da tutto il mondo.
A premiare i vincitori è salito sul palco il Principe Emanuele Filiberto, che ha trascorso l’intera giornata tra i pizzaioli in gara e improvvisandosi pizzaiolo ha preparato un Pizza Margherita insieme a Graziano Bertuzzo e Mauro Pasini della Scuola Italiana Pizzaioli. Ha voluto così descrivere la manifestazione: “Una giornata magnifica, divertente ed interessante. Un vero Mondiale della Pizza sotto tutti i punti di vista, sono veramente felice di aver partecipato a questa manifestazione, questa sera mi ha fatto molto piacere poter premiare i Campioni del Mondo del 2013 per un piatto, la Pizza, che per me è sempre molto familiare. Auguro a questi Campioni e a tutti i partecipanti di avere sempre tanto successo perfezionando sempre di più la Pizza, che è il piatto della nostra Italia più amato
al mondo.”
Insieme ad Emanuele Filiberto ha partecipato alla serata di chiusura anche la presentatrice televisiva Eleonora Daniele che ha voluto portare l’attenzione su Operation Smile Charity, Partner della Manifestazione: “Come sapete mi occupo di agroalimentare
da molti anni con le trasmissioni che conduco e sono veramente felice di essere tra voi
oggi per premiare i più bravi pizzaioli del mondo. Ringrazio l’organizzazione per aver
voluto sostenere Operation Smile che porta il sorriso a tanti bambini nel mondo che a causa di una malformazione non potrebbero vivere una vita serena.” Presente alla serata anche Matteo Zoppas, Membro del Consiglio di Operation Smile che ha ringraziato i
presenti per la solidarietà dimostrata.
Il Campione del Mondo di Pizza Classica è Leone Coppola, della Pizzeria Vecchia ‘800 di Gavriate in provincia di Varese che ha vinto con una pizza a base di Pomodoro,stracciatella, Carpaccio con Petali di Grana e Valeriana. Forti le sue emozioni: “E’ per me un’emozione indescrivibile aver vinto il Campionato dopo vent’anni di partecipazione. Un riconoscimento a tanti sacrifici ed impegno”. La californiana Laura Meyer ha vinto nella categoria della Pizza in Teglia confermando che la presenza femminile è oramai una realtà consolidata anche nel mondo dei pizzaioli. Il padovano Gianni Calaon della Pizzeria Penelope è il Campione del Mondo dela Pizza in Pala, un tipo di pizza che sta avendo sempre maggiore successo a livello internazionale, che Calaon ha rivisitato con una pizza al profumo di lardo di colonnata, pomodoro, stracciatella, caviale di basilico e parmigiano.
E’ invece Fausto Ruocco il Campione del Mondo della Pizza Napoletana STG.
I francesi Pascal Poupon (pizzaiolo) e Olivier Perrot (cuoco) si sono aggiudicati il primo
premio nella categoria Pizza a Due con un’innovativa ricetta di pizza e cucina.
Il Trofeo Heinz Beck è stato assegnato a Mara Mancosu dell’ Enosteria Lipen di Triuggio
(Milano) che ha proposto un’arrabbiata al profumo di mango con gambero mazzarese al
pistacchio croccante.

I CAMPIONI DEL MONDO DEL 2013

PIZZA CLASSICA Leone Coppola – Gavirate (VA).
PIZZA IN TEGLIA Laura Meyer – San Francisco (California, Usa)
PIZZA IN PALA Gianni Calaon – Padova
PIZZA NAPOLETANA STG Fausto Ruocco – Orzinuovi (Brescia)
PIZZA SENZA GLUTINE Luigi Apicella – Biella.
PIZZA PIU’ LARGA Daniele Pasini – Bologna.
PIZZAIOLO PIU’ VELOCE Giuseppe Amendola – Reggio Emilia
STILE LIBERO (acrobatico) Giuseppe Lapolla – Potenza
TROFEO HEINZ BECK (primi piatti in pizzeria) Mara Mancosu – Milano
PIZZA A DUE Pascal Poupon (pizzaiolo) e Olivier Perrot (cuoco) – Francia

About these ads

Categorie: Notizie

Author:Claudia Nardi

You think you know...but you have no idea!

Subscribe & connect

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Le mie passioni, scrivere e cucinare, fantasia e magia insieme a cibo sano e genuino per tutta la famiglia. Ogni giorno racconto di me, della Favola che sto vivendo navigando in questo mare chiamato Vita accompagnata dalla mia meravigliosa ciurma!

unacronistadallaluna

Qualunque cosa sia, passerà

Pinterestitaly

Il blog italiano (non ufficiale) su Pinterest

LA TORRE DI BABELE

Questo spazio web è, insieme, un progetto e un luogo fisico. Il progetto è quello di ospitare tutte le lingue del mondo, tutte le idee, dare voce a chiunque, così da arrivare per paradosso a una parola “unica”. Il luogo fisico è la torre vera, così come l’ho conosciuta a Samarra, in Iraq. Lì la chiamano “malwiya”, la spirale, splendida metafora dov’è faticosissimo arrampicarsi in vetta. Dunque, mi sembrava che potesse rappresentare il senso di questo blog, che è un po’ anche un sito. Un diario in continuo movimento dove anche le verità spesso si sovrappongono, si sostituiscono, si smentiscono, si alterano. Sono sempre in molti a parlare, spesso lingue diverse. La mia grande speranza, che voglio condividere, è che alla fine si arrivi finalmente a una lingua universale. Cioè a capirsi. [PINO SCACCIA]

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.469 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: