E’ nato il primo pranzo d’asporto di design tutto romano: “a Roman Lunch out a box”

IMG_4669

Da un’idea di Food Confidential nasce “A Roman Lunch out of a Box” per TEDxROMA:

L’IDEA

Una scatola di design riciclabile che contiene un menu romano antico e moderno allo stesso tempo, una scatola golosa con un pranzo da asporto unico nel suo genere, che debutta a TedxRoma, l’evento indipendente di TED che si svolgerà al Teatro Olimpico di Roma il 22 febbraio 2014.

A Roman Lunch Out of a Box sarà servito durante la pausa pranzo della giornata di congresso al pubblico presente in sala, sono previste 1200 persone e contiene un riassunto della Capitale Gourmet contemporanea.

Food Confidential, Media Partner di TEDxRoma, infatti ha voluto riunire un gruppo di protagonisti romani per offrire al pubblico in cerca di “idee che meritano di essere diffuse “ (“Ideas Worth Spreading” il motto di TED) un lunch, veloce, gustoso, ma che soprattutto racconti una storia.

All’interno della scatola, disegnata da Subioli/Pietrosante per Food Armada, 4 proposte food collegate tra loro da un percorso romano d’eccellenza, perché durante TEDxRoma sul palcoscenico si avvicenderanno i personaggi che rendono viva e dinamica questa città, una Roma creativa, innovativa e ricca di spunti, così nel momento del pranzo, Food Confidential ha voluto presentare una capitale in fermento e ricca di sapori antichi.

Dalla più antica ricetta della cucina romanesca nasce il supplì, street food per eccellenza in tutta la metropoli, poi il panino ancestrale che parla delle campagne romane, fino al dolce al miele di tradizione giudaica e alla mela annurca del basso Lazio, il tutto in una scatola disegnata per l’occasione, una scatola di carta, da tenere con una sola mano, dentro la quale mangiare e leggere le ricette. La scatola sarà lunga e stretta, con una maniglia e il porta bevande. Il prototipo sarà disponibile solo il giorno 22 febbraio stesso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A ROMAN LUNCH OUT OF A BOX MENU:

Antipasto: Supplì al Telefono Vegetariano con Melanzane, Pomodoro, Parmigiano e Basilico di Stefano Callegari – Pizzeria Tonda;

Main course: Panino ancestrale ovvero Rosetta di grano biologico majorca con Misticanza di Albano e Pecorino Romano di Matteo Piras – MP Boulangerie;

Dessert: Due Pizzarelle Ebraiche con miele bio di Giovanni Terracina – LeBonton Catering;

Frutta: una Mela Annurca del basso Lazio di Massimo Leonardo Agricoltore – Banco Frutta e Verdura – Mercato di Campo dei fiori;

Completano il pranzo: un Frullato di pura frutta alla fragola e banana o pompelmo rosa gentilmente offerto da TVB Italia (Trento)

http://www.tvbitalia.it/

una bottiglietta di acqua minerale liscia e/o leggermente frizzante di Smerladina, l’acqua minerale naturale di Tempio Pausania in Sardegna.

http://www.acquasmeraldina.com/

 

 

I PROTAGONISTI

Stefano Callegari, nato a Roma il 25 dicembre 1968. E’ l’ideatore di Sforno, 00100 e Tonda, tre luoghi cult per la pizza in città. Le sue pizzerie sono segnalate dalle migliori guide gastronomiche, il suo estro lo contraddistingue per idee sulla pizza che sono veri e propri brevetti d’artista, in testa il Trapizzino. Assageremo il suo supplì al telefono.

Matteo Piras nato a Roma è panificatore, fornaio, chef e imprenditore. Da un anno ha aperto MP Boulangerie il posto del pane, della pizza e dei dolci che mancava in città. Tutto rigorosamente bio e naturale.

Giovanni Terracina nato a Roma il 7 novembre 1965 fonda Lebonton nel 1992 insieme a Dario e Daniele. Il primo catering esclusivamente kosher in Italia. La sua cucina si distingue per la capacità di coniugare il rispetto delle usanze ebraiche con l’eccellenza gastronomica: il risultato è un’irresistibile miscela di sapori antichi e contaminazioni contemporanee.

Francesco Subioli nato a Roma il 15 aprile 1961 Art director e Project manager nel campo della progettazione: Industrial design, Graphic design, Exhibition design; Attività di docenza e formazione professionale; Coordinatore e Docente nel primo Master in Food Design in Europa allo Ied di Roma; Attualmente è art director dello Studio Kromosoma e consulente di alcune aziende e consigliere del Dipartimento Progettisti ADI.

Marco Pietrosante è progettista del mondo del food design. Ricercatore in ambito del progetto del cibo, del packaging e dei luoghi del ristoro, si interroga da sempre sulla relazione tra design e società, approdando, da ultimo, al Social Design attraverso l’istituzione del Social design Prize.

Nerina Di Nunzio nata anche lei a Roma, è esperta di comunicazione e marketing digitale, si è specializzata sui temi dell’enogastronomia. È stata Marketing Manager di Gambero Rosso nota casa editrice food per 7 anni. Fondatrice della società di consulenza Food Confidential, insegna e progetta corsi di alta formazione post universitaria. Ha pubblicato un libro per Coldiretti in merito al tema della vendita diretta dei prodotti biologici in Italia. E’ Coordinatrice e Docente nel primo Master in Food Design in Europa allo IED di Roma: Ha ideato questo progetto pranzo per TEDxRoma.

LE RICETTE

Il supplì al telefono

Fare un soffritto con olio, cipolla, preparare il sugo con pomodoro sale e pepe e basilico e cuocere per una mezz’oretta o poco più.

Tagliare le melanzane a dadini e cuocerle al formo, quando sono cotte tuffarle nel sugo. Una volta pronta questa parmigiana prendere il riso è tuffarlo dentro a questo sugo per 13/14 minuti alla fine aggiungere tanto parmigiano – Stefano Callegari

Il panino ancestrale con misticanza di Albano e Pecorino Romano:

Ingredienti: per il pane 150gr farina tipo 1 varietà “maiorca”, 100gr pasta madre, 150gr acqua,6gr sale. per il ripieno 200gr misticanza di campo,15gr pecorino romano tagliato sottile.

Fare una fontana di farina al centro del tavolo, unite metà dell’acqua comiciando ad impastare con una sola mano, terminate l’acqua continuando ad  impastare, unite la pasta madre senza lavorare troppo. Coprite con un panno e lasciate riposate 10 min., lavorate per 10 min. con tutte e due le mani, mettete il sale sul tavolo ed accludetelo all’impasto lavorando energicamente almeno altri 5 min. formate una palla e lasciate riposare 20min. Mentre l’impasto riposa, cuocete la misticanza in una padella antiaderente senza olio, quando è appassita, aggiungete olio e sale e saltate per 1 max 2 min. Dividete in 4 porzioni e metteteci 15gr di pecorino in scaglie su ogni porzione. Porzionate l’impasto in 4 parti da 100gr ognuna appiattite con le mani. Mettete il ripieno ben scolato al centro dell’impasto e chiudete bene i lembi. Lasciate riposare 30min. Passati 30 min. accendete il forno al massimo (200°C ) girate i panini in modo che la cicatrice sia rivolta verso il basso, fate lievitare per altri 45 min. o comunque fino al raddoppio coperti con un panno e infornate x 15/20 min.– Matteo Piras.

Le pizzarelle ebraiche

Le pizzarelle con il miele sono un dolce classico della pasqua ebraica romana, ancora poco conosciuto. Sono piccole squisitezze fritte di pane azzimo con uvetta e pinoli. Sono servite con miele caldo

Ingredienti: 3 fette di pane azzimo fino, 1 uovo intero, 25 gr. di pinoli, 20 gr. di uvetta, 50 gr. di zucchero, la scorza di 1/4 arancio e di 1/4di limone, 75 gr. di miele. Mettete a bagno il pane azzimo per due ore per ammollarlo, scolatelo e strizzatelo molto bene. Aggiungete via via tutti gli ingredienti, lasciando l’albume montato a neve per ultimo. Con l’aiuto di un cucchiaio, formate delle “pizzarelle” e versate l’impasto nell’olio bollente a 180°. Friggetele fino a renderle dorate all’esterno e morbide all’interno.

Scolatele e servitele ben calde con il miele – Giovanni Terracina

 

ECOSOSTENIBILI AL 100%

Packaging e stoviglie utilizzati durante questo pranzo saranno al 100% biodegradabili e compostabili a basso impatto ambientale e ad alto impatto estetico. I contenitori, i bicchieri, i tovaglioli sono tutti di Verdiamo, azienda romana che si dedica alla salvaguardia dell’ambiente con produzione totalmente ecosostenibile.

http://www.verdiamo.it  

Cos’è TED? (Fonte: sito di TEDxRoma)

TED è un’organizzazione non-profit votata alle «idee che meritano di essere diffuse» – «Ideas Worth Spreading». L’obiettivo del TED è quello di diffondere idee che abbiano valore ed è questo lo spirito che animò la prima conferenza TED organizzata nel 1984, che durò quattro giorni e il cui scopo principale era quello di riunire persone provenienti da tre mondi: Tecnologia, Entertainment, Design. Da allora i suoi orizzonti si sono ampliati sempre di più. Durante le due conferenze annuali – la «TED Conference» che si tiene ogni primavera a Long Beach in California, e la «TEDGlobal conference» che si tiene ogni estate ad Edinburgo, in Scozia – gli speaker sono invitati a raccontare le proprie idee e intuizioni, attraverso discorsi e presentazioni della durata massima di 18 minuti. Questi racconti di pensieri, idee, azioni, spunti di riflessione, di azione e di immaginazione sono raccolti sul sito http://www.ted.com e messi a disposizione degli utenti del web. Oggi il progetto TED include il sito dove sono raccolti i video «TED Talks», il progetto «Open Translation» e «TED Conversations», i «TED Fellows» e il programma «TEDx», oltre al «TED Prize» che si tiene ogni anno.

 

 

Cos’è TEDx?

x = eventi TED organizzati in modo indipendente

Nello spirito delle “idee che meritano di essere diffuse“, TED ha lanciato il programma TEDx, che consiste in una serie di eventi locali organizzati in modo indipendente che si propongono di riunire il pubblico per vivere un’esperienza simile a quella che si sperimenta con TED. Il nostro evento si chiama TEDxRoma, dove x = evento TED organizzato in modo indipendente, in cui presentazioni dal vivo e proiezioni di video tratti da TEDTalks sono combinati allo scopo di favorire relazioni e discussioni tra i partecipanti. Le Conferenze di TED forniscono il modello generale per gli eventi TEDx, mentre i TEDx locali, incluso il nostro, sono realizzati in modo autonomo.

Per info e biglietti: www.tedxroma.com

FB: https://www.facebook.com/Tedxroma

FB: https://www.facebook.com/FoodConfidential

Foto di Andrea Di Lorenzo.

Categorie: Uncategorized

Autore:Claudia Nardi

You think you know...but you have no idea!

Subscribe & connect

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: