Annunci

PIETRO PARISI E LA CUCINA DEGLI SCARTI. DAL 18 SETTEMBRE SU RAI 3 PILLOLE DI SAGGEZZA CULINARIA

La cucina degli scarti: se ne parla da tempo, tra autentico credo e marketing. Libri, trasmissioni televisive, blog e ricettari fioccano da ogni dove. A rendere ancor più attuale il tema è la recente condanna di Papa Francesco degli sprechi alimentari e l’invito ad una morigeratezza del cibo. <Con gli scarti alimentari si vincerebbe la fame nel mondo>, ha dichiarato il Pontefice davanti a due milioni di fedeli nella piazza del Cristo Redentore di Santa Cruz in Bolivia.

In Campania, c’è chi da sempre ne ha fatto una filosofia di vita e di lavoro: Pietro Parisi, cuoco contadino a Palma Campania, alle falde del Vesuvio. Il suo è un modus operandi che nasce in famiglia, dagli insegnamenti della nonna Nannina, contadina ai tempi della guerra, e che racconta in Tv su Rai 3 per la storica trasmissione Mi Manda Rai 3 condotta da Elsa di Gati con la rubrica “La cucina senza spreco” in onda dal 18 settembre per il secondo anno consecutivo.

Non buttare via quasi niente, recuperare, valorizzare è il suo diktat in cucina. <Più che una cucina degli avanzi, la mia è una cucina degli scarti, di ciò che normalmente viene scartato, gettato via, perché ritenuto meno buono o comunque meno interessante>, spiega Parisi che prima di ritornare nella sua terra d’origine ha viaggiato e cucinato per il mondo, da Parigi agli Emirati Arabi, in cucine prestigiose.

La sua cucina è un modello di cucina etica e sostenibile. Etica perché  valorizza le piccole produzioni territoriali e il lavoro di artigiani e contadini; sostenibile perchè non tradisce l’Ambiente, rispettando le stagionalità ed evitando scorciatoie produttive e Ogm. «Spesso gli scarti di ortaggi e frutta hanno più fibre della parte nobile e un più alto contenuto di vitamine>, spiega Parisi che con i gambi dei broccoli fa una mousse o un pesto con cui condisce gli spaghetti. Con bucce e propaggini di verdure e frutti riesce a fare di tutto: le bucce di melanzane messe sott’olio in agro dolce sono ottime per accompagnare i carpacci di carne; mentre con gli scarti del sedano, una volta disidratati e tritati, ottiene un sale perfetto per chi soffre di alta pressione.

www.pietroparisi.it

Annunci

Categorie: Uncategorized

Autore:Claudia Nardi

You think you know...but you have no idea!

Subscribe & connect

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: